2018 4 marzo

Chi è e cosa fa lo sviluppatore web

Mi è sempre piaciuto immaginare lo sviluppatore come un nerd mezzo hacker e mezzo studente genio di informatica (si, sembriamo sempre più giovani 😀 ) alle prese con il lancio sportivo del PC, e forse è un po così perché essere uno sviluppatore non è facile.

Forse siamo abituati ad esprimerci attraverso una tastiera, alle nottate intere passate davanti ad un IDE scrivendo codice. Siamo un po visti come strani, e posso anche capire il perché, ma spesso queste cose sono un falso Mito!

Insomma quando si dice.. Animali da PC 😀

qui-si-programma-seriamente

C’era una volta il webmaster…

In realtà il programmatore per il web, o meglio il web developer, lavora a stretto contatto del commissionario o azienda che vuole portare la propria idea a diventare una web app, spesso non è un hacker ma forse un nerd si 😉 con uno spiccato Problem Solving.

La difficoltà sta nel capire bene l’idea e trovare insieme la soluzione giusta, scomporre e rendere ‘programmativa‘ questa soluzione al problema, in fine sviluppare il tutto con un codice chiaro e scalabile.

Codice ed efficienza

Tutti i programmatori vorrebbero scrivere molto codice e creare molteplici progetti, app e imparare nuove cose, la parte bella è che spesso ci si riesce a creare qualsiasi cosa ci serva, progetti utili ed interessanti, ma questa mentalità nella realtà lavorativa è destinata a fallire perché i migliori progetti richiedono meno codice, pulito e ben commentato, ed un’analisi approfondita dei problemi reali.

Ad ognuno il suo linguaggio

Bisognerebbe fare una distinzione netta tra frontend e backend la parte non visibile detta backend, che esegue tutte le operazioni alla base del sito web, come la gestione dei dati in un database es. MySQL e le funzioni che invece possono essere svolte da codice PHP o Python per esempio.

Parte frontend che interagisce con l’utente, interfaccia grafica, riguarda principalmente, immagini, contenuti, menu, effetti, tutto quello che serve all’utilizzatore finale dell’app.

“Bisogna fare una scelta, decidere su cosa focalizzarsi e su cosa migliorare ogni giorno”

Io fui folgorato molti anni fa da alcuni progetti PHP e decisi di avvicinarmici, da li che è nato il mio amore per questo linguaggio e molti dei suoi derivati come WordPress o framework come Laravel. I ‘linguaggi’ del web sono molteplici, i principali: i più conosciuti HTML5, CSS3, ma anche JavaScript o Jquery ai quali aggiungere PHP e MySQL, Json,  e molto altro.

La maggior parte del tempo la si passa a studiare, in genere non bastano solo 1 o 2 di questi linguaggi, per realizzare un intera web app spesso si usano anche tutti. Scoprire, provare e risolvere piccoli intoppi, ma con lo sviluppo si cresce sempre e comunque.

Delle volte bisogna rifare tutto da capo o controllare mille mila volte, ma è certo, prima di mettere un applicazione online la testiamo per bene.

Semplificare e scomporre i problemi in piccoli pezzi diventa più semplice con il tempo, anche vedere con un sorriso i vecchi lavori che ad oggi si potrebbero migliorare o addirittura buttare.

Avete dovuto rompere qualcosa o allenarvi nel lancio del computer mentre scrivevate il codice della vostra App  🙂  ?

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.